Terminologia dei disturbi neurologici

I termini che definiscono molti disturbi neurologici sono – dal punto di vista linguistico ed etimologico – affascinanti. Scopriamoli insieme, partendo da quelli preceduti dalla “a” privativa (nel greco, la lettera alfa usata come prefisso attribuisce al termine significato di privazione).

abasia [a-; gr. bas(is) = marcia; -ia] Impossibilità, parziale o totale, di camminare per incoordinazione dei movimenti. Può essere causata da disturbi psichici (per esempio, isterismo), da patologia cerebellare o vestibolare in assenza di anestesia o paralisi muscolare. Coesiste spesso con l’incapacità di stazione eretta (astasia).

abulia [a-; gr. boül(ē) = volontà; -ia] Perdita della iniziativa motoria e della volontà di agire. Il soggetto vive in uno stato di indecisione assoluta e di dubbi penosi, fino a giungere a una condizione di inerzia e di immobilità pressoché totali.

acalculia [a-; lat. calcul(are) = calcolare; -ia] Incapacità a eseguire anche i più elementari calcoli matematici.

acinesia [a-; gr. kinēs(is) = movimento; -ia] Povertà di ogni movimento che viene iniziato con notevole lentezza. Si riscontra nel morbo di Parkinson in cui l’individuo inizia con difficoltà i movimenti, per esempio la deambulazione che, in un secondo momento, diviene più spedita.

adiadococinesia [a-; gr. diadochos = successivo; kinēs(is) = movimento; -ia] Impossibilità o ridotta capacità di compiere in rapida successione movimenti opposti quali pronazione e supinazione degli arti superiori. Si tratta di una incoordinazione motoria associata a danno della funzionalità cerebellare.

afasia [a-; gr. fas(is) = parola; -ia] Perdita o riduzione della capacità di esprimersi mediante il linguaggio parlato o scritto, associata ad anomalie nella comprensione del linguaggio parlato e della lettura. È conseguente a una lesione circoscritta dei centri del linguaggio situati nella corteccia cerebrale. Si distinguono due forme classiche di afasia: l’afasia motoria di Broca e l’afasia sensoriale di Wernicke.

ageusia [a-; gr. geüs(is) = gusto; -ia] Perdita totale del senso del gusto. Può essere centrale, per emorragie o tumori nei centri gustativi, oppure periferica, per esempio in seguito a distruzione delle papille gustative o a processi che abbiano leso le fibre gustative (diabete, nevriti tossiche o infiammatorie, nefropatie croniche). Esiste inoltre un’ageusia su base funzionale nevrotica.

agnosia [a-; gr. gnōs(is) = conoscenza; -ia] Incapacità di riconoscere le informazioni che giungono ai centri nervosi superiori dai rispettivi organi di senso, sebbene questi siano fisiologicamente e anatomicamente integri. L’agnosia può essere ottica, acustica, tattile (astereognosia), spaziale, ecc.

agrafia [a-; gr. grafia = scrittura] Incapacità di esprimere il pensiero con la scrittura. Di solito è un sintomo dell’afasia (di Broca o di Wernicke) oppure è una forma di aprassia. L’agrafia pura è estremamente rara; se associata ad acalculia e ad agnosia digitale costituisce la sindrome di Gerstmann. SIN. afasia motoria grafica.

alalia [a-; gr. lal(ein) = parlare; -ia] Difficoltà nell’articolare le parole per disturbi organici o funzionali degli organi vocali.

alessia [a-; gr. lex(is) = il parlare; -ia] afasia visiva (incapacità di comprendere il significato delle parole scritte).

amimia [a-; gr. mim(os) = mimo; -ia] Incapacità più o meno completa di accompagnare con atteggiamenti della muscolatura facciale o con gesti uno stato d’animo. È una caratteristica del morbo di Parkinson e della miastenia. Nella amimia recettiva vi è incapacità nella comprensione del significato dei gesti. SIN. afasia gestuale.

amnesia [a-; gr. mnēs(is) = ricordo; -ia] Perdita totale o parziale della memoria, congenita o acquisita, transitoria o permanente, dovuta a traumatismi, lesioni cerebrali o a vari tipi di disfunzioni organiche a carico del cervello.

amusia [gr. amoüsia = mancanza di armonia] Incapacità di riconoscere le varie note e suoni musicali. È in genere conseguente a lesione cerebrale.

anomia [a-; lat. nom(en) = nome; -ia] Incapacità di assegnare il nome corrispondente a un oggetto che tuttavia è stato correttamente riconosciuto. È un tipo di afasia (afasia amnestica).

anosognosia [a-; gr. nosos = malattia; gnōs(is) = conoscenza; -ia] Disfunzione della corteccia associativa parietale che si manifesta con il convinto disconoscimento di avere una malattia.

apatia [a-; gr. pat(hos) = affezione; -ia] Stato psicologico di indifferenza verso l’ambiente e i suoi stimoli con assenza o scarsità di risposte affettive o di emozioni evidenti.

aprassia [a-; gr. prass(ein) = fare; -ia] Incapacità a eseguire un atto volontario e afinalistico nonostante l’integrità degli apparati motori e sensoriali deputati a tale movimento e nonostante l’efficienza dei centri che presiedono alla coordinazione dei movimenti. È generalmente provocata da lesioni dell’emisfero parietale sinistro, talvolta è espressione di un disturbo di ordine psichico associato a un certo grado di demenza (aprassia ideativa).

asimbolia [a-; gr. sumbol(on) = simbolo; -ia] Impossibilità di intendersi in virtù delle parole e dei segni corrispondenti alle idee.

asinergia [a-; sinergia] 1. Alterazione della intensità e della regolare successione dei movimenti elementari che formano un atto volontario. È causata da malattie del cervelletto. 2. Incoordinazione fra più organi o parti corporee che normalmente interagiscono fra loro.

astasia [a-; gr. stas(is) = stazione eretta; -ia] Incapacità di mantenere la stazione eretta in assenza di disturbi della sensibilità o del tono muscolare. È generalmente associata ad abasia. Può indicare una patologia cerebellare, labirintica o psiconevrotica.

astenia [a-; gr. sthen(os) = forza; -ia] Sintomatologia aspecifica caratterizzata da mancanza o perdita della forza muscolare con facile affaticabilità e insufficiente reazione agli stimoli.

astereognosia [a-; stereo-; agnosia] Tipo di agnosia caratterizzata dalla incapacità di riconoscere con la sola palpazione le proprietà fisiche di un oggetto. Generalmente consegue a lesioni, soprattutto tumorali, del lobo parietale. SIN. agnosia tattile, stereoagnosia.

atassia [a-; gr. tax(is) = ordine; -ia] Difetto della coordinazione muscolare con conseguente irregolarità dei movimenti (atassia cinetica) e incapacità di conservare l’equilibrio in posizione statica (atassia statica). È assente qualsiasi lesione paralitica ed è mantenuta la forza muscolare. SIN. dissinergia, atassia muscolare, amiotassia.

atetosi [a-; gr. tith(enai) = porre; -osi] Stato caratterizzato da movimenti di contorsione lenti, involontari, irregolari e continui, soprattutto a carico dei muscoli della faccia, della lingua e delle estremità distali e prossimali degli arti che si accompagnano a lesioni a carico del globo pallido e del talamo. Sono accentuati dalle emozioni, dai movimenti volontari o dal parlare (fenomeno dello straripamento). Si riducono con il riposo e scompaiono nel sonno. Quando sono di breve durata si parla di coreoatetosi.

Le definizioni sono tratte dall’ottimo “Medicina e Biologia – Dizionario enciclopedico di scienze mediche e biologiche e di biotecnologie”, di Delfino, Lanciotti, Liguri, Stefani, pubblicato da Zanichelli.

La Terminologia Anatomica

Muscolo peroniero o muscolo peroneo? Arteria rettale o arteria emorroidale o arteria emorroidaria? Nervo acustico o uditivo? Scissura centrale o scissura di Rolando o solco centrale?

Sono solo alcuni degli infiniti esempi delle varianti in cui troviamo uno stesso termine anatomico nei vari trattati di anatomia disponibili.

Purtroppo, proprio laddove occorrerebbe una terminologia certa, univoca, questa non c’è. In Italia, infatti, una terminologia anatomica ufficiale non c’è, a differenza di altri Paesi. O meglio, esistono fonti ufficiali che consentono di prendere visione di ogni termine anatomico in latino e in inglese, ma i problemi, inevitabilmente, sorgono con la traduzione degli stessi, per cui si assiste alle difformità di cui sopra.

Cerchiamo comunque di offrire qualche riferimento certo: la Terminologia Anatomica (TA) raccoglie la nomenclatura internazionale standard di riferimento nell’ambito dell’anatomia umana. Essa raccoglie indicazioni terminologiche relative a circa 7500 strutture anatomiche umane macroscopiche. È redatta in lingua latina con traduzioni ufficiali in inglese, spagnolo e portoghese (come si vede, manca quella italiana). La prima edizione risale al 1988 quando l’opera sostituì la Nomina Anatomica, lo standard precedente, solo in lingua latina, che dal 1955 era adottato come standard internazionale per i nomi delle parti del corpo umano.

La Terminologia Anatomica si deve al Federative International Committee on Anatomical Terminology (FICAT), un gruppo di esperti creato dalla International Federation of Associations of Anatomists (IFAA); esso era precedentemente conosciuto come Federative Committee on Anatomical Terminology (FCAT). Nel 2011 la TA è stata pubblicata on line su inziativa del Federative International Programme for Anatomical Terminology (FIPAT) ed è sul suo sito (https://fipat.library.dal.ca/) che si possono trovare la terminologia anatomica (seconda edizione, 2019), embriologica, istologica e neuroanatomica; quelle oroanatomica e antropologica sono in via di sviluppo.

Sul sito della FIPAT la TA è divisa in cinque parti: nella prima, l’anatomia generale (come i piani e le linee di riferimento, e le parti del corpo umano); nella seconda, l’apparato muscoloscheletrico; nella terza, gli apparati digerente, respiratorio e genito-urinario; nella quarta, l’apparato cardiovascolare, il sistema endocrino e quello linfatico; nella quinta, l’apparato tegumentario, il sistema nervoso e gli organi di senso. A ciascuna parte corrisponde un pdf in cui si trovano più colonne con il termine latino di partenza (ed eventuali sinonimi), la traduzione inglese (UK e US) e altri sinonimi in lingua inglese: una fonte completa e affascinate, oltre che, naturalmente, utilissima per usare il termine anatomico appropriato.

Come redigere la bibliografia

La bibliografia è una componente fondamentale di ogni testo scientifico, è pertanto  essenziale sapere come redigere correttamente le voci bibliografiche.

Quello che segue è un esempio di voce bibliografica scritta correttamente:

Mantovani A, Sica A, Sozzani S, et al. The chemokine system in diverse forms of macrophage activation and polarization. Trends Immunol. 2004 Dec;25(12):677-86. doi: 10.1016/j.it.2004.09.015. PMID: 15530839 Review.

(Ho scelto come esempio, non a caso, una pubblicazione del professor Alberto Mantovani, l’immunologo italiano più citato al mondo.)

Gli autori: come si vede, si riportano i primi tre, seguiti da “, et al.” Alcuni preferiscono arrivare a sei autori, ma è francamente troppo. Ogni autore compare con il cognome seguito dall’iniziale del nome, non puntata. In caso di più nomi le iniziali saranno accorpate, sempre senza punto.

Il titolo dell’articolo: va riportato per esteso, senza iniziali maiuscole, tranne per la prima parola o per eventuali nomi propri.

Il titolo della rivista: va riportato nella forma indicata dalla National Library of Medicine (www.ncbi.nlm.nih.gov/nlmcatalog/journals). Tranne che per le riviste con un unico nome (per es., Cancer) il titolo è sempre abbreviato (per es., The New England journal of medicine diventa N Engl J Med, il Journal of the American Medical Association diventa JAMA ecc.). Va riportato in tondo e non in corsivo.

Seguono i dati relativi alla pubblicazione: anno, mese, numero/i che identificano l’elemento, intervallo di pagine. Quest’ultimo è di solito nella forma abbreviata (nell’esempio riportato, 677-86), ma è consentito riportare anche la forma estesa (677-686). Si noti l’assenza di spazio tra  i numeri, ma anche in questo caso è consentito metterli (il che è anche più elegante).

Infine il doi e il PMID: il primo (digital object identifier – identificatore di un oggetto digitale) è uno standard che consente l’identificazione duratura e univoca di oggetti di qualsiasi tipo all’interno di una rete digitale, e l’associazione ad essi dei relativi dati di riferimento – i metadati – secondo uno schema strutturato ed estensibile. Il secondo (PubMed Identifier) è un numero unico assegnato a ciascuna citazione su PubMed. Non è indispensabile che questi dati siano sempre presenti nella voce bibliografica, ma certamente la loro indicazione è di grande aiuto per chi utilizzerà quella bibliografia.

Naturalmente, ci sono infinite variabili: quando gli autori sono organizzati come gruppo di ricerca o come editor, quando si tratta di un supplemento (nel qual caso si userà la forma “Suppl” seguita dal numero dello stesso e dall’intervallo di pagine preceduto da “S” [per es., Suppl 2:S93-9]), o di una parte (per es., Pt 2), oppure quando si precisa la tipologia della pubblicazione (editoriale, lettera, abstract…), o il classico “Epub” seguito da data che identifica un articolo pubblicato on line prima che a mezzo stampa (per es., Epub 2002 Jul 5).

E poi, naturalmente, i libri, i volumi, la cui citazione segue regole diverse, per esempio quella che segue è la citazione dell’ultima edizione del mitico Harrison’s:

Jameson JL, Fauci AS, Kasper DL, Hauser SL, Longo DL, Loscalzo J, editors. Harrison’s Principles of internal medicine. 20th edition. New York: Mc Graw Hill; 2018.

Si noti la sequenza autori (in questo caso editor), titolo del volume, numero edizione, città sede dell’editore, editore, anno. Si faccia caso anche alla punteggiatura (due punti dopo la città, punto e virgola dopo l’editore).

Infine, visto che nel precedente articolo ci siamo occupati di numeri, come vanno trattati i numeri che nel testo rimandano alla bibliografia? Vanno composti, preferibilmente, ad apice; in alternativa, nel corpo testo, tra parentesi tonde o quadre. Qualora vi siano due numeri che rimandano ad altrettante voci bibliografiche non inserire uno spazio tra questi, ma solo la virgola separatrice; se invece i numeri rimandano a un intervallo di voci bibliografiche, usare il trattino (per es., 1-4 [che rimanda alle voci bibliografiche da 1 a 4]). È preferibile posizionarli dopo un eventuale segno di punteggiatura, senza spazio.

PS: naturalmente qualcuno porrà delle obiezioni a quanto sopra, è comprensibile a due condizioni: la prima liberarsi da consuetudini errate purtroppo molto radicate, la seconda rispettare comunque l’uniformità. Ciò che è inaccettabile in uno stesso testo è trovare voci bibliografiche redatte con criteri diversi: se per esempio usate sino a sei autori che siano sempre sino a  sei, e non tre; se usate l’intervallo esteso per i numeri di pagina, che non ci sia anche quello abbreviato; se usate gli spazi tra i numeri che identificano una pubblicazione che non ci siano poi voci senza detti spazi.

Prefissi, suffissi, primi e secondi elementi nella formazione dei termini medici

In un precedente articolo ci siamo già occupati dei prefissi e suffissi nella costruzione dei termini medici.

Ora ci torniamo sopra perché il blog si arricchisce di una nuova pagina (direi monumentale, non fosse che per le dimensioni e il lavoro che ci sta dietro, che oltretutto mi ha allontanato per un po’ dallo scrivere nuovi articoli). La trovate in Home page come “Prefissi e suffissi”. In realtà, è molto di più di prefissi e suffissi. Vediamo perché.

Prefisso significa “particella che, anteposta alla radice di una parola, ne modifica il significato” (per es., de-, in-, pro-), mentre nel suffisso questa particella è posposta (per es., -aio, -are, -eo). Ma occorre distinguere prefissi e suffissi dai prefissoidi e suffissoidi. Il prefissoide è “l’elemento formativo iniziale di una parola composta, derivato da una parola di significato compiuto” (per es., auto-, elettro-, foto-, tele-), ed è sinonimo di primo elemento.Il suffissoide, invece, è “l’elemento formativo terminale di una parola composta, derivato da una parola di significato compiuto” (per es., -grafia, -mania, -teca), ed è sinonimo di secondo elemento.

Ebbene, nella nuova pagina troverete centinaia di prefissi, suffissi, primi e secondi elementi che vanno a formare i termini medici. Per ognuno di essi è indicata l’etimologia, dal greco o dal latino, e – ovviamente – il significato.

È una pagina “strategica”, perché conoscere la composizione dei termini medici, la loro etimologia ci permette di maneggiarli e destreggiarsi meglio con essi, perché conoscere cosa c’è dietro una parola, sapere da dove deriva, come si è formata, significa impadronirsi della parola, usarla con consapevolezza.

Naturalmente, se doveste trovare qualche omissione o qualche imprecisione, segnalatela: un blog è fatto per arricchirsi con il concorso dei lettori.

Terapia, trattamento, cura

Terapia, trattamento, cura: tre termini apparentemente sinonimi, ma in realtà con molte sfumature tra loro.

La terapia, in medicina, è lo studio e l’attuazione concreta dei mezzi e dei metodi per portare alla guarigione delle malattie; obiettivo di una terapia è dunque  riportare uno stato patologico a uno stato sano, o almeno alleviarne i sintomi, renderli più sopportabili.

Trattamento è un termine con un significato più esteso, intendendosi con esso l’applicazione di determinati metodi e processi, o azione di qualsiasi genere e natura (fisica, chimica, materiale, ecc.) a cui si sottopone un organismo o parte di questo, per conseguire determinati effetti. Ha più a che fare con una gestione complessiva. “Trattamento dei tumori”, giusto per fare un esempio, sta a indicare non tanto e non solo la terapia, ma l’approccio globale al problema.

E la cura? Cura, in medicina, è l’insieme delle terapie e dei medicamenti usati per il trattamento di una malattia.

Tuttavia, queste definizioni mi lasciavano comunque un poco insoddisfatto, con questi continui rimandi da un termine all’altro, ed è così che ho pensato di consultare il Dizionario analogico della lingua italiana (nella fattispecie quello di Feroldi, Dal Pra, pubblicato da Zanichelli). Consultare un dizionario analogico vi assicuro che, per chi ama la lingua e le parole, è un’avventura meravigliosa.

Ebbene, a proposito di terapia trovo un elenco vastissimo: terapia sintomatica, farmacologica, ormonale, oncologica, radiante, d’urto, intensiva, riabilitativa… Naturalmente anche in termini composti: farmacoterapia, ormonoterapia, oncoterapia, chemioterapia, radioterapia, ossigenoterapia, ozonoterapia, aerosolterapia, elioterapia, fototerapia, vaccinoterapia, e – credetemi – moltissime altre (provare per credere). Poi, naturalmente, c’è la terapia del dolore, e le terapie palliative. Poi la fisioterapia e le terapie fisiche, con  la chinesiterapia, la chiroterapia, la massoterapia… Quindi la terapia del sonno, ma anche la terapia convulsivante e quella elettroconvulsivante. E, in ambito psicologico, tutte le psicoterapie, con la terapia di gruppo, la terapia di coppia ecc. Vi assicuro, quello che vi ho riportato è un elenco ridottissimo rispetto a quello disponibile. C’è da perdersi…  

Ma, sempre a proposito di meravigliose avventure nei dizionari, alla voce “cura”, sullo Zingarelli, c’è una perla. È tra le “definizioni d’autore”, ed è affidata, per questa voce, alla dottoressa Emanuela Palmerini. Ecco che cos’è la cura, come meglio non la si può definire:

Cura è una parola molto bella.
Cura è farsi carico dei bisogni di un altro: è un processo dinamico tra persona e persona, medico e paziente.
Cura è ascolto e tempo: una terapia ha meno valore se non abbiamo tempo per un colloquio con il paziente.
Cura è professionalità: lavorare con scienza, coscienza e dedizione.
Cura è gentilezza: un gesto semplice, come un saluto al mattino.
Cura è amore per sé: un po’ di bellezza nella nostra giornata.
Cura è scelta: scegliere di porre un altro al centro delle nostre azioni.
Cura è la rivoluzione delle nostre priorità.
Cura è possibile.

————————————————————————————-

Nell’immagine: Wolfgang Heimbach – Il malato, metà del XVII secolo. Amburgo, Hamburger Kunsthalle.
Nel volume Viaggio intorno al  corpo, della collana Dizionari d’Arte, pubblicata da Electa, a cura di Giorgio Bordin, Marco Bussagli e Laura Polo D’Ambrosio, a proposito di questo quadro si legge: “Il piccolo quadro, che si presenta come una tranquilla realtà domestica, ha certamente significati allegorici e simbolici […]. Cogliendo gli aspetti quotidiani della vita borghese si vuole fare meditare sulla condizione della malattia e sull’importanza del prendersi cura dell’altro quale gesto non scontato di carità familiare”. Il malato risulta infatti “accudito dalle amorevoli cure della moglie e riceve l’affettuoso saluto della piccola figlia, mentre la domestica cambia le lenzuola del letto”.

I tecnicismi collaterali nel linguaggio medico

Un insulto traumatico, il pazienta lamenta un dolore in area addominale, l’arto offeso, una spiccata dolorabilità, una coorte di sintomi… Sono solo alcuni degli infiniti esempi di quelli che si definiscono “tecnicismi collaterali”.

Vediamo di capire esattamente di cosa si tratta, facendo un piccolo passo indietro e definendo anzitutto i tecnicismi specifici. Questi sono né più né meno i termini medici che troviamo in anatomia (ulna, massetere), fisiologia (metabolismo, midriasi), patologia (glaucoma, setticemia)… Denotano in modo inequivocabile realtà specifiche e, se molti possono apparire, appunto, “tecnici”, è il caso di ricordare che moltissimi appartengono anche al lessico comune (fegato, occhio, milza…).

Scrive il professor Luca Serianni nel suo libro (pubblicato da Garzanti, ormai introvabile) Un treno di sintomi, dedicato al linguaggio della medicina, che si sofferma a lungo sul tema dei tecnicismi: “per indicare il piccolo osso che forma la parte terminale della colonna vertebrale dobbiamo adoperare obbligatoriamente il tecnicismo coccige”, che ci piaccia o no. Ecco, questi sono i tecnicismi specifici. Va da sé che sono decine e decine di migliaia, sono le parole, i termini della medicina.

Altra cosa sono i tecnicismi collaterali. Lasciamo sempre al professor Serianni definirli (inutile traslare: come lo dice lui, non lo dice nessuno) “una lingua speciale è fatta anche di vocaboli caratteristici di un certo ambito settoriale, che però sono legati non a effettive necessità comunicative, bensì all’opportunità di adoperare un registro elevato, distinto dal linguaggio comune”. Ecco, questi sono i tecnicismi collaterali (TC). Aggiungerò io che se i primi sono “stabili”, i secondi, legati alle esigenze del registro stilistico, presentano ampi margini di oscillazione.

In questi tecnicismi lo scostarsi dal linguaggio comune è netto: il paziente “sente un forte dolore alla bocca dello stomaco”, mentre il medico per dire la stessa cosa in una cartella clinica scriverà “il paziente accusa (o lamenta, riferisce) un vivo dolore nella regione epigastrica”. Un altro esempio? “La malattia esordisce improvvisamente con elevato rialzo termico e cefalea”, scrive il medico. Poteva dire “inizia con febbre alta e mal di testa”, e invece no, perché così si esprime il paziente. Un altro divertente: “l’alvo è regolare”, laddove il paziente direbbe “vado in bagno regolarmente”.

Con questi tecnicismi specifici il blog si arricchisce di una nuova, apposita, pagina, da oggi disponibile sul sito. Ne ho trovati oltre cento: per ciascuno ho fornito la definizione, il contesto d’uso, e degli esempi.

Grazie, una volta di più, al professor Serianni senza il cui libro questa pagina sarebbe certo risultata più povera.

Un esempio di buona comunicazione scientifica

Se riuscite a spiegare e a far capire una cosa, anche complessa, a un bambino, allora siete buoni comunicatori.

Quando si vuole portare le proprie conoscenze ad altri, occorre molta umiltà, procedere per gradini, in progressione, dare per scontato il minor numero di cose possibile, usare frasi lineari, brevi. La brevità, la capacità di sintesi, è talento.

Tutti questi principi di “buona ed efficace comunicazione”, che ho sempre ritenuto essere fondamentali, perseguendoli in ogni occasione, li ho ritrovati in una recente pubblicazione destinata ai bambini che spiega cosa sono i vaccini e il sistema immunitario.

Si tratta di una sorta di quaderno (che potete visualizzare e scaricare qui), “Guida galattica al vaccino per bambini e bambine curiosi”, ed è uno strumento educativo di esemplare chiarezza, in due lingue (italiano e inglese). Naturalmente, è accompagnato da una grafica molto accattivante. È destinato, oltre che ai bambini, alle loro famiglie e ai loro genitori, nell’auspicio che siano questi a leggerglielo. A scrivere i testi sono state Erika Nerini e Daniela Longo, bravissime medical writer, titolari di PopMED. Il quaderno si avvale del supporto scientifico di Marcello Pinti, professore associato di Patologia e Immunologia dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e del team di Pleiadi, un team di scienziati convinti che la curiosità sia la chiave per scoprire e comprendere il mondo.

Il quaderno ha un precedente: “Guida galattica al coronavirus”, che ha avuto un tale successo da essere tradotto in 30 lingue e divulgato in più di 60 Paesi al mondo. Anche questo spiega ai bambini che cos’è il “microbo venuto da lontano” che ha cambiato le nostre abitudini e il nostro modo di relazionarci, ma che può essere frenato grazie a piccoli gesti quotidiani.

Questo mio breve articolo non è pubblicità a delle bravissime colleghe (il quaderno, una volta di più, è scaricabile gratuitamente e il blog ha i 25 lettori di manzoniana memoria [ma cresceranno!]), ma è solo un invito a scaricarlo e a leggerlo ai vostri figli, nipoti: ne trarranno vantaggio loro, e anche voi perché è partendo dallo spiegare ai bambini che si impara a fare comunicazione.  

Il processo di definizione di una malattia

Qualsiasi testo di patologia/clinica medica nel presentare una malattia, subito dopo la definizione, sviluppa di solito una scaletta piuttosto precisa che permette di inquadrare la malattia stessa in maniera completa. Vediamo insieme questo approccio esaminando il significato dei singoli termini.

Eziologia [voce dotta, lat. tardo aetiolŏgia, dal gr. aitiología, composto di aitia, causa, e logia, discorso, trattazione]. È lo studio delle cause che determinano una malattia. Spesso si trova ancora “etiologia”, ma il termine è ormai obsoleto.

Epidemiologia [voce dotta, composto di epidemia e -logia, discorso, trattazione]. È la disciplina medica che studia i meccanismi di diffusione delle malattie, la distribuzione degli eventi legati alle malattie in diversi gruppi di persone.

Patogenesi [dal gr. páthos, affezione, sofferenza, e génesis, nascita]. Indaga le modalità d’insorgenza, il meccanismo di sviluppo, di una malattia. Spesso questa sezione comprende anche l’anatomia patologica che, avvalendosi di analisi di biopsie o di campioni chirurgici, tratta le alterazione morfologiche e microscopiche degli organi e dei tessuti colpiti dai processi morbosi.

Manifestazioni cliniche, o anche quadro clinico, o semplicemente clinica o, ancora, sintomatologia, è la sezione che esamina il complesso dei sintomi (e segni) che caratterizzano una malattia. Ricordiamo che per sintomo si intende ogni manifestazione che accompagna una malattia e che viene avvertita dal paziente. Il segno, invece, è l’alterazione rilevata dal medico sul paziente affetto da una patologia.

Complicanze (e non complicazioni) descrivono gli eventi anomali, le aggravanti di malattia che possono svilupparsi durante il suo decorso.

Diagnosi [voce dotta, dal gr. diágnōsis, composto di diá, attraverso (alcuni segni), e gnôsis, conoscenza]. È la definizione di una malattia attraverso l’anamnesi, i segni e i sintomi, gli esami di laboratorio e quelli strumentali. Infatti, questa sezione, nella descrizione di una malattia, comprende anche la diagnosi di laboratorio e dovrebbe estendersi alla diagnosi differenziale, l’esame critico dei sintomi per distinguere malattie tra loro consimili.

Prognosi [voce dotta, lat. tardo prognōsi(m), dal gr. prógnōsis, previsione, a sua volta da progignskein, prevedere, giudicare prima, composto di pró, prima, e gignskein, conoscere, di origini indeuropee]. È il giudizio clinico sull’evoluzione futura della malattia in esame. La prognosi può essere favorevole o sfavorevole, fausta o infausta, benigna o grave (ma non cattiva!). Si usa il termine riservata quando non è possibile fare alcuna previsione sull’esito di una malattia data la gravità del quadro clinico.

Terapia o trattamento [gr. therapeia, cura]. Vengono usati come sinonimi, in realtà la terapia è quella branca della medicina che si occupa della ricerca di tutti quei rimedi atti a favorire la guarigione e ad alleviare le sofferenze dei malati. La terapia può essere chirurgica, medica, fisica, ecc. Il trattamento ha un significato un poco più esteso indicando qualsiasi procedura o terapia finalizzata a combattere le malattie e a migliorare le condizioni del malato; spesso, infatti, si usa il termine gestione.

Prevenzione [voce dotta, lat. tardo praeventiōne(m), da praevĕntus, part. pass. di praevenīre, prevenire]. Descrive l’attuazione dei provvedimenti più adeguati a impedire che si manifesti la malattia. Va distinta dalla profilassi
che è riferita all’insieme delle misure igieniche, sanitarie e farmacologiche adottate per evitare l’insorgere o il diffondersi di malattie.

PS: andate a visitare la nuova pagina Dizionario: completamente rifatta, accorpa tutte le lettere, prima presentate singolarmente, e ingloba tutti gli approfondimenti sui singoli lemmi. Uno strumento utilissimo per chi traduce e scrive di medicina e per i redattori medico-scientifici.
Nell’immagine: Pablo Picasso, Scienza e carità, 1897, Barcellona, Museo Picasso.

Che tipo di medicina sei?

Medicina di precisione, medicina personalizzata, medicina di genere, medicina difensiva… sono alcune delle molte estensioni del termine medicina (“scienza che si occupa dello studio delle malattie, della loro prevenzione, diagnosi e terapia”; deriva dal latino mĕdicus ‘medico’, a sua volta dal verbo mederi, ‘curare’, ‘medicare’) che ricorrono spesso ultimamente. Ma ne conosciamo l’esatta definizione?

La medicina “classica”, specie per ciò che riguarda gli approcci terapeutici e la ricerca, è orientata verso la popolazione piuttosto che verso il singolo individuo; non così la medicina di precisione che è “quell’insieme di strategie di prevenzione e trattamento che tengono conto della variabilità individuale”, secondo la definizione di Francis Collins, direttore dei National Institutes of Health. In altre parole, l’attenzione viene spostata sul singolo paziente. Un esempio classico è dato dall’impiego in terapia degli anticorpi monoclonali, capaci di riconoscere un singolo piccolo antigene. Enormi le ricadute, specie nel campo dell’oncologia dove sono le caratteristiche genetiche della cellula tumorale a dettare nella maggioranza dei casi l’indirizzo terapeutico.1

L’intervento medico rivolto alla singola persona che ha una determinata alterazione comporta che la medicina di precisione è anche personalizzata, e ciò genera confusione nei due termini. E allora come la mettiamo? Ci viene in aiuto il professor Mauro Minelli, responsabile per il sud Italia della Fondazione di Medicina Personalizzata, che ci dice come nella medicina di precisione è importante l’identificazione di specifici meccanismi generatori di patologia all’interno degli organi, ovvero di specifici bersagli sensibili all’interno delle cellule”, mentre nella medicina personalizzata si allarga il campo alle caratteristiche individuali; in altre parole, significa decisioni mediche, pratiche, farmaci e terapie calibrate sul singolo caso, a seconda dell’organismo e delle caratteristiche individuali del paziente.2

Oltre alla medicina di precisione e alla medicina personalizzata, altre tipologie di medicina con dizioni che iniziano per -P- concorrono a formare la cosiddetta “Multiple-P Medicine” (medicina preventiva, medicina partecipativa, medicina predittiva), sui cui significati torneremo.

La medicina di genere, invece, è la branca della medicina che studia le differenze biologiche e socioculturali tra uomini e donne e l’influenza di questi fattori sullo stato di salute e di malattia, nonché sulla risposta alle terapie.3

Lo scopo della medicina di genere è conseguentemente quello di garantire l’appropriatezza diagnostico-terapeutica rendendo possibili trattamenti su misura del singolo individuo.4

Attenzione: questo tipo di approccio non si basa sulla semplice distinzione sessuale in quanto il sesso si riferisce alle differenze biologiche, che sono universali e immutabili in quanto geneticamente determinate, mentre il genere riferisce a caratteristiche psichiche, sociali e culturali, che possono condizionare le differenze biologiche e che possono essere modificate (per es., in rapporto a etnia, età, modo di vivere, cibo).

La medicina difensiva, infine, non ha niente a che fare con quanto sopra, ma di questo tempi è di altrettanta attualità perché consiste nella pratica con la quale il medico difende sé stesso contro eventuali azioni di responsabilità medico-legali che conseguono alle cure mediche prestate. La medicina difensiva può essere positiva o negativa. La prima si esplica nel ricorso a servizi aggiuntivi diagnostici o terapeutici non necessari (analisi, visite o trattamenti), come per esempio diminuire la possibilità che si verifichino esiti negativi per il paziente in seguito a un intervento sanitario. Quella negativa, invece, si attua con l’astensione dall’intervento di cura, nel caso in cui il medico eviti di occuparsi di determinati pazienti o di eseguire interventi ritenuti ad alto rischio5, annullando la possibilità che si verifichino esiti negativi per il paziente imputabili al medico.

Fonti:

  1. Medicina di precisione e personalizzata: nuove frontiere per cancro, asma, psoriasi e malattie neurologiche, al sito Humanitas
  2. Medicina di precisione e personalizzata: le nuove sfide del sistema sanitario, al sito Network digital 360
  3. Ministero della Salute., Il genere come determinante di salute, in Quaderni del Ministero della Salute, n. 26, aprile 2016.
  4. Franconi F., Paradigmi della ricerca di genere, in The italian journal of gender-specific medicine 2015, vol. 1, n. 1.
  5. Studdert DM, Mello MM, Sage WM, et al. Defensive medicine among high-risk specialist physicians in a volatile malpractice environment, sulla rivista Jama

Per le voci medicina di genere e difensiva, oltre alle fonti citate, vedi Wikipedia alle medesime voci.
Nell’immagine, Il dottor Paul Gachet, di Vincent van Gogh, 1890, Parigi, Musée d’Orsay.

Farmaco o medicinale?

I termini “farmaco” e “medicinale” (e anche “prodotto medicinale”) non sono la stessa cosa, anche se sono stati usati nel corso degli anni come sinonimi; di recente si è preferito usare il termine medicinale, che viene impiegato anche nelle direttive comunitarie che disciplinano questo settore.

Citiamo testualmente dal sito salute.gov:

Si intende per medicinale:

  1. ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative o profilattiche delle malattie umane;
  2. ogni sostanza o associazione di sostanze che possa essere utilizzata sull’uomo o somministrata all’uomo allo scopo di ripristinare, correggere o modificare funzioni fisiologiche, esercitando un’azione farmacologica, immunologica o metabolica, ovvero di stabilire una diagnosi medica.

Sempre sul detto sito si specifica che “tutti i medicinali sono costituiti da principi attivi e da vari eccipienti. Il principio attivo è il componente dei medicinali da cui dipende la sua azione curativa, il medicinale vero e proprio.
Gli eccipienti sono invece componenti inattivi del medicinale, privi di ogni azione farmacologica”.

E, ancora, si precisa che i medicinali possono distinguersi in: medicinali preparati in farmacia (galenici, a loro volta suddivisi in magistrali [se preparati in base a una prescrizione medica destinata a un determinato paziente]; eofficinali [se preparati in farmacia in base alle indicazioni della Farmacopea europea o della Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana e destinati ad essere forniti direttamente ai pazienti serviti da tale farmacia) e medicinali di origine industriale. L’immissione in commercio di questi ultimi deve essere autorizzata dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) o dall’Agenzia Europea per i medicinali (EMEA).

Il medicinale generico, invece, è un medicinale che è bioequivalente rispetto a un medicinale di riferimento, con brevetto scaduto, autorizzato con la stessa composizione quali-quantitativa in principi attivi, la stessa forma farmaceutica, la stessa via di somministrazione e le stesse indicazioni terapeutiche. Tuttavia, il  termine “generico”, si è dimostrato infelice in quanto percepito dal pubblico come simile, ma non uguale al medicinale di riferimento indicato per la stessa patologia. Per questa ragione i prodotti “generici” sono stati ridefiniti medicinali equivalenti (L. 149 del 26 luglio 2005).

Fonte:
http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=3615&area=farmaci&menu=med